Ego Cross by Ego Lite

Bicicletta elettrica pieghevole per pronto soccorso

Collaboratori: Ridolfi Sara, Turati Francecsa

Ego cross è stata sviluppata all'interno di un laboratorio di sviluppo prodotto in collaborazione con l'azienda Ego lite, che ha fornito il brief iniziale.

Il progetto

Ego cross è una bicicletta pieghevole con pedalata assistita creata per operatori del pronto soccorso. Lo scopo principale è quello di arrivare nel minor tempo possibile sul luogo dell’intervento per:

 

- valutare la situazione e mettere la zona in sicurezza;

- apportare interventi di rianimazione (cardiaca e

polmonare), traumatologia e medicazione;

- comunicare alla centrale i parametri vitali;

- richiedere ulteriore appoggio.

 

La bicicletta è caratterizzata da un retrotreno attrezzato con un “cassone” per contenere tutta la dotazione necessaria per prestare le operazioni indicate.

 

Formalmente è stata ripresa la linea dell’avantreno prolungando il telaio centrale fino alla coda. La parte su cui appoggia il cassone è stata nascosta per mantere una coerenza formale.

 

La maniglia di serraggio dello snodo è stata progettata per essere utilizzata quando si è a cavalcioni sulla bicicletta, prima di salire sulla sella. E’ una maniglia robusta, tenuta in posizione verticale da un magnete che riduce le vibrazioni durante il moto. E’ posizionata vicino ai pedali, ma la forma e le dimensioni fanno si che non intralci la pedalata.

 

Il cassone

Il contenitore è stato progettato privo di elementi sporgenti e di spigoli vivi per evitare, nel caso di urto con percose o cose,l’arreco di danni. La forma risulta compatta, pulita e richiama il carattere degli oggetti impiegati in campo medico.

 

L’oggetto risulta semplice ed immediato. Con poche mosse, è possibile accedere all’attrezzatura ed estrarla attraverso una sola apertura che non genera indecisioni e ritardi.

 

Lo spazio interno è suddiviso in due scomparti, separati da un ripiano.

 

Le maniglie laterali per la movimentazione della bici in fase di prelievo fungono anche da maniglie di aggancio per il 2° passeggero. 

 

Il Segnalatore

La visibilità della bicicletta in movimento è garantita da un segnalatore lampeggiante. Il segnalatore è composto da una luce pulsante verde e da una sirena, in modo da avere un doppio stimolo come sui mezzi di soccorso motorizzati. E’ stata decisa un’altezza superiore a 1,9m per essere visibile anche da lontano e superare il 90° percentile dell’altezza umana.

 

L'aggancio a muro

Come accennato la bicicletta sarà posizionata in alcuni punti strategici all’interno delle varie strutture. La postazione per l’alloggiamento della bici in fase di inutilizzo permetterà la ricarica della batteria, la messa in sicurezza e la maggiore visibilità dell’oggetto per mezzo di un’ulteriore grafica di supporto. In questo modo si vuole caratterizzare il sistema bicicletta + supporto murale come punto di riferimento per il soccorso e caricarlo di un significato simbolico oltre che funzionale.

 


Commenti: 0